Una delle posizioni critiche contro il Green Pass è stata lanciata a livello nazionale in agosto a Bologna da un’assemblea antifascista che ha elaborato quello che definisce un “kit di pronto soccorso antifascista contro il nuovo lasciapassare“, con cui ne contesta l’applicazione e invita alla “disobbedienza attiva”.
Per l’assemblea, il Green Pass è «uno strumento classista che in nome del profitto e non della salute pubblica, ricatta i lavoratori e lede il diritto al lavoro».

«Separiamo i discorsi sul Green Pass da quelli sul vaccino – si legge nel kit di pronto soccorso - Il Green Pass non è una cura, ma un documento: uno strumento politico di sorveglianza, una frontiera sui nostri corpi».






> PER VISUALIZZARE E SCARICARE IMMAGINE E PDF DEL KIT: CLICCA QUI