Comunicato ai media - 20 settembre 2017 - ROMA 
Aperto alla firma il Trattato sulla messa al bando delle armi nucleari: giorno storico per il disarmo
Inizia la mobilitazione della società civile coordinata da Campagna Senzatomica e Rete Italiana per il Disarmo per convincere il Governo a firmare e ratificare: “Italia Ripensaci!”
La proposta: i cittadini e le cittadine firmino simbolicamente il Trattato #nuclearban

Oggi è un giorno storico per chi crede nel disarmo e vuole la completa eliminazione degli inumani ordigni nucleari dalla faccia della Terra. Alle ore 8:00 di New York e nell'ambito dell'Assemblea Generale delle Nazioni Unite, si apre infatti alla firma degli Stati il “Trattato sulla proibizione delle armi nucleari” (Nuclear Ban Treaty). La cerimonia sarà aperta dal Segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres seguito dal Presidente dell'Assemblea Generale, dal Presidente del Costa Rica e infine come rappresentanti della società civile internazionale il Presidente della Croce Rossa Internazionale e Beatrice Fihn coordinatrice della campagna ICAN (di cui Senzatomica e Rete Disarmo sono parte).

Inizia dunque la fase di adesione formale alla prima norma internazionale che mette fuorilegge le più potenti armi di distruzione di massa. Si tratta di un passo ormai non più rimandabile, come testimoniano le tensioni internazionali che in questo momento coinvolgono anche la proliferazione nucleare. Sono circa 15.000 le testate ancora presenti nel mondo, in leggera diminuzione numerica ma in continuo e problematico ammodernamento. Una tendenza pericolosa e da fermare. Al momento si prevedono le firme da parte di 53 Stati, entro questa settimana, un buon viatico per le 50 ratifiche necessarie affinché il Trattato possa entrare in vigore.

Leggi qui l'intero comunicato