Dall'appena nata Fata Morgana Web, figlia dell’esperienza decennale di Fata Morgana. Quadrimestrale di cinema e visioni, pubblichiamo un articolo di Pietro Montani: Il racconto della Rivoluzione: l’avventura del cinema politico di Ejzenštejn e Vertov.

Quelli della mia generazione (i ventenni, o poco più, del ’68) erano inclini a vedere il politico dovunque, ma anche a pronunciare giudizi molto severi e punitivi quando si trattava di riconoscerlo nel “mondo dell’arte”, che per qualche motivo non ci piaceva. Figuriamoci in quello dei media. Così c’è voluto un certo lasso di tempo, per noi (di certo per me), prima di cominciare a capire davvero che cosa fosse in gioco nell’idea rivoluzionaria di un cinema politico – una delle proposte davvero importanti e ancora feconde che abbiamo ereditato dall’avventura (effimera: non più di un decennio) delle avanguardie russo-sovietiche.

Siccome in un modo o nell’altro mi è capitato di e ssere tra i primi a mettere le mani su quel lascito – ho pubblicato gli scritti di Vertov nel 1975 e ho iniziato l’edizione italiana di quelli di Ejzenštejn, tuttora in corso, nel 1981 – mi permetterò di dire due parole, a beneficio dei più giovani, su come andavano le cose a quell’epoca.

LEGGI L'ARTICOLO COMPLETO su Fata morgana web