Sezione: Ecologia
Editore: Nutrimenti
Pagine: 416
Biblioteca: BFDR-sede di Vittorio Veneto
Anno: 2015
Note: Un'indagine che attraversa i cinque continenti. Il resoconto delle devastanti modalità - per gli animali, per l'ambiente e per la nostra salute - di produzione di carne e pesce.
Modulo richiesta prestito

Recensione



Le fattorie tradizionali sono scomparse dai nostri campi a mano a mano che la produzione di cibo è diventata un’industria globale. Non abbiamo più alcuna certezza di cosa entri nella catena alimentare: la moderna politica intensiva nei settori dell’agricoltura e dell’allevamento è una minaccia per le nostre campagne e per la nostra salute in qualunque parte del mondo.

I fatti sono incontrovertibili e sconcertanti. Cereali e soia che potrebbero nutrire miliardi di persone vengono coltivati come mangime animale. Tonnellate di pesce di piccola taglia, in grado di sfamare un intero continente, vengono trasformate in farina e usate per nutrire i pesci d’allevamento. La fauna selvatica è sistematicamente distrutta. I rischi di questo sistema sono alti: metà degli antibiotici usati al mondo viene regolarmente somministrata agli animali negli allevamenti intensivi, contribuendo alla nascita di superbatteri letali e resistenti. Per non parlare dei danni al sistema idrico e all’ambiente causati dallo smaltimento del letame delle migliaia di animali ammassati in condizioni disumane.

Philip Lymbery, direttore globale di CIWF, ci guida in un incredibile (e a tratti inquietante) viaggio dietro le quinte di un’industria che in tutto il mondo è ormai fuori controllo. Il risultato è un grido d’allarme contro l’attuale sistema ma anche un tentativo di trovare una strada per un futuro migliore.

Scritto in collaborazione con Isabel Oakeshott - Traduzione di Dora Di Marco


“Farmageddon rivelerà al pubblico italiano, ancora troppo all’oscuro dei costi nascosti dell’attuale sistema alimentare una realtà sconosciuta e inquietante, in cui i destini di uomo, animali e natura appaiono quali veramente sono: indissolubilmente intrecciati. Quello che di primo acchito potrebbe sembrare “soltanto” un sistema che maltratta gli animali si rivela un mostro i cui tentacoli stringono in un abbraccio mortale anche le persone e la natura. Questo libro è per tutti coloro che vogliono informarsi sulla vera origine e le reali conseguenze di quello che mangiamo, e contribuire ad un futuro migliore e più giusto per tutti. Anche l’Italia deve dare un giro di volta, prima che sia troppo tardi, e noi italiani possiamo e dobbiamo fare la nostra parte”.

Annamaria Pisapia - CIWF Italia

> Leggi l'articolo pubblicato su CIWF Italia - 24.02.2015