Il Manifesto

quotidiano comunista
  1. Lars Norén è morto l’altro ieri a Stoccolma, vittima del Covid. Aveva 76 anni, ed è stato uno dei più grandi intellettuali e artisti svedesi a cavallo tra due secoli. Noto agli inizi come poeta, ha scritto romanzi ma è solo attraverso il teatro che il suo nome ha varcato i confini del suo paese (è curioso come da poco tempo anche uno dei suoi «epigoni», Jon Fosse, sia passato dal teatro, che l’aveva fatto conoscere, al cinema). Una stima … Continua

    L'articolo Addio a Lars Norén, un teatrante contro l’illusoria democrazia proviene da il manifesto.

  2. Udàtinos in greco antico significa acquatico, consistente di acqua. Come titolo di un progetto degli artisti e ricercatori Salvatore Iaconesi e Oriana Persico però, la presenza al suo interno della parola «dati» assume tutto un altro significato. Sta lì ad indicare il perno di una ricerca quasi ventennale, il fulcro di un’interrogazione costante che vede come altri elementi principali l’arte e la società. È in questa triangolazione che la coppia, con il loro centro di ricerca Her – She Loves … Continua

    L'articolo I dati come strumento dei «custodi dell’acqua» proviene da il manifesto.

  3. «Perché il giallo della copertina e del vestito? Perché è il colore della gioia, della follia. E poi perché in questo momento, mi sembrava giusto dare un tocco di speranza». Ornella Vanoni sette anni dopo Meticci con cui definiva conclusa la sua carriera discografica tanto da sottotitolarlo ‘io mi fermo qui’, torna sui suoi passi: «Non bisognerebbe mai dirle certe stupidaggini», aggiunge ridendo durante l’incontro rigorosamente in streaming, per la presentazione di Unica, in uscita domani per Bmg, undici inediti, … Continua

    L'articolo Ornella Vanoni: «Vorrei vestirmi con sneaker e abito da sera» proviene da il manifesto.

  4. Con il Cile nuovamente sotto i riflettori internazionali per la lotta popolare contro la pesante eredità di Pinochet, risulta di indubbio interesse la lettura della poco conosciuta vicenda che Tarcisio Benedetti racconta in prima persona nel libro Alborada. La tipografia della libertà (Edizioni Lavoro, pp. 144, euro 15). Se infatti è noto come l’ambasciata italiana a Santiago, diventata un’insperata isola di salvezza per centinaia di perseguitati politici, abbia scritto proprio negli anni oscuri del regime militare cileno una delle più … Continua

    L'articolo Cile, la creatività che ha sconfitto anche la dittatura proviene da il manifesto.

  5. Se conosciamo ciò che accade all’interno di una comunità mennonita, fra le tante sparse nel mondo, lo dobbiamo a Miriam Toews che di quella appartenenza non ha fatto una furba carta di scambio per il successo bensì il pegno luccicante di una esperienza trasformativa. La sua biografia è stata segnata dunque da un radicamento preciso, decostruito a sua volta e con grande forza dando parola alle proprie simili, come nel caso del suo Donne che parlano (2018). La condizione umana … Continua

    L'articolo Miriam Toews, la luce silenziosa della perdita proviene da il manifesto.