Nel nome della terra (titolo originale: Au Nom de la Terre)
Regia di Edouard Bergeon
Film - Francia 2019, 100', colori
Interpreti: Guillaume Canet, Veerle Baetens, Anthony Bajon


LA STORIA
Pierre ha 25 anni. Torna dal Wyoming per trovare Claire, la sua fidanzata, e per gestire la fattoria di famiglia. Venti anni dopo, la fattoria si espande, così come la famiglia. Tutto sembra andare per il meglio, almeno all’inizio. Pierre è sommerso dai debiti che si accumulano e non riesce a sostenere i ritmi di lavoro in campagna. L’uomo è esausto e nonostante l’amore di sua moglie e dei suoi figli, le difficoltà, anche personali, aumentano.



Sposando appieno il filone di denuncia sociale ed ispirazione civica della recente cinematografia francese, Edouard Bergeon dedica la sua opera prima ai lavoratori della terra, facendosi megafono di tensioni e storture del sistema in una finzione semi-biografica che si schiera dalla parte degli sconfitti dalla vita e delle loro storie da raccontare.

"Il lungometraggio arriva dopo I figli della terra (2012), suo documentario di debutto e che a sua volta portò alla luce le scabrosità di quel mondo agricolo a cui è sempre stato legato. Sono chiare le intenzioni dell’autore, che crescendo ha palesemente maturato un desiderio di denuncia verso un sistema che ha pressato l’economia agricola per tutto l’ultimo ventennio, “obbligando” i contadini a modernizzarsi e diventare imprenditori, costretti a cercare forme sempre più intensive ed efficaci per allevare e coltivare nel minor tempo possibile, con una manutenzione che non basta mai, sempre insoddisfacente e massacrante. Bergeon si preoccupa soprattutto di raccontarlo dal punto di vista umano, come se la vera denuncia fosse il ricordo di quei giorni felici, così nitido, così significativo di tutto ciò che, se fosse andata diversamente, avrebbe potuto avere dalla vita “con la terra” e dalla vita con suo padre, uomo che ha cercato di accrescere il suo stato adattandosi al sistema ma rimanendo vittima dello stesso."
Roberta Loriga (Sentieri Selvaggi)

"Bergeon ha una chiara idea di cinema: ruvida, violenta nei contenuti, un grido nel silenzio dalla parte dei dimenticati. Il suo è un ritratto di solitudine moderna, di una progressiva discesa verso gli inferi. Da regista riflette anche su che cosa significhi essere autori oggi in Europa. Forse non è un caso che il protagonista sia un “cowboy” tornato dalle pianure del Wyoming. Si destruttura il mito americano, i canoni di Hollywood, la soggezione ai modelli d’oltreoceano."
Gian Luca Pisacane (cinematografo.it)

INTERVISTA A EDOUARD BERGEON

Nel nome della terra” nasce dalla tua storia personale: il personaggio principale – Pierre, interpretato da Guillaume Canet – è direttamente ispirato a tuo padre, un agricoltore.
Vengo da un’antica stirpe di contadini, figli e nipoti di contadini, sia dal lato materno che da quello paterno. Christian Bergeon, mio  padre,  cominciò  a  lavorare  come  agricoltore  nel  1979,  con  tutta  la  passione  per  questo  mestiere.  Ha  lavorato  duramente  insieme  a  mia  madre  perché  mia  sorella  e  io  vivessimo  una  gioventù  felice  nella  fattoria.  “Nel  nome  della  terra”  è  una  saga  familiare che vuole dare una prospettiva umana sull’evoluzione del mondo agricolo negli ultimi quarant’anni.

Sei autore di molti reportage e documentari per la televisione. Perché hai deciso di realizzare questo primo lungometraggio di finzione?
L’idea non mi sarebbe nemmeno passata per la testa se non avessi incontrato Christophe Rossignon, il produttore del film. Nel 2012, vide “I figli della terra”, un documentario di 90 minuti in cui seguivo Sébastien, un agricoltore la cui storia mi ricordava quella di mio padre. Christophe, figlio e fratello di un agricoltore, era rimasto colpito dal film e voleva incontrarmi. Suo fratello maggiore, che ha preso il posto di suo padre nella fattoria di famiglia, ha dovuto confrontarsi con una realtà agricola che avrebbe potuto sconvolgere la sua vita... Il progetto di un film ispirato alla storia della mia famiglia nasce dalla nostra prima conversazione. Christophe e io abbiamo molte cose in comune: siamo due figli della terra e siamo subito entrati in sintonia.La scrittura di un film di finzione è molto diversa da quella di un documentario.

Come hai affrontato questa fase della lavorazione?
All’inizio, ha suggerito l’idea che “I figli della terra” poteva diventare una docu-fiction. Mi ha spinto ad accantonare le esperienze dei contadini girate nei miei documentari per restare fedele solo ai miei ricordi. E visto che non c’era molto materiale di archivio su  mio  padre,  di  crearne  di  nuovo.  I  francesi  non  ci  sono  abituati,  ma  è  una  pratica  molto  comune  tra  gli  anglosassoni.  Ho  accettato  subito,  con  un  avvertimento:  non  avevo  mai  fatto  fiction,  non  conoscevo  nessuno,  ma  penso  che  questo  non  abbia  preoccupato Christophe Rossignon. Non sapevo come scrivere una sceneggiatura, così ho lavorato con due co-autori – prima Bruno Ulmer e poi Emmanuel Courcol – cominciando da un foglio bianco. Io fornivo il materiale per le sequenze, loro gli davano forma e sviluppo narrativo. È solo verso la fine che ho cominciato anche io a scrivere qualche scena.