Copertina di Chêne et ses habitants (Le)
Categoria: Cineteca/Dvd
Editore: Gaumont
Anno: 2022
Note: Edizione originale del documentario LA QUERCIA E I SUOI ABITANTI

Visite: 34

Stato prestito: Disponibile

Disponibilità: 1/1

Modulo richiesta prestito

Recensione

La quercia e i suoi abitanti

documentario, Francia, 2023, 80’, colore
regia di Laurent Charbonnier e Michel Seydoux

LA STORIA
C’era una volta e c’è tuttora… una grande quercia, vecchia ben 210 anni, diventata pilastro e punto di riferimento per un intero microuniverso di piccoli abitanti. Qui, lo scoiattolo raccoglie le sue provviste, le formiche edificano i loro regni e il topo selvatico trova riparo dal famelico rapace. Loro e molti altri sono i teneri protagonisti di una vibrante avventura per tutta la famiglia, una emozionante ode alla vita in cui la natura racconta se stessa: la propria bellezza, le proprie sfide e le splendide giornate di sole che sempre seguono i più violenti acquazzoni.

RECENSIONE
Uno spettacolare documentario, realizzato in mesi di riprese nella verdeggiante regione francese della Sologne, che mostra le tante famiglie che abitano una quercia di circa 210 anni, diventata nel tempo il punto di riferimento per un micro-universo di abitanti, dagli insetti agli uccelli, dai funghi fino ai cervi, alle nutrie e ai cinghiali che trovano riparo all’ombra delle sue fronde. È il luogo in cui lo scoiattolo raccoglie le sue provviste, le formiche edificano i loro regni e il topo selvatico trova riparo dai famelici rapaci.

Un lavoro mastodontico, quello portato avanti in «Le Chêne» [La quercia] dai registi Michel Seydoux e Laurent Charbonnier, un lavoro andato avanti un anno e mezzo, in tutte le stagioni, con telecamere a 360 gradi, telecamere avanzate per riprendere immagini microscopiche. Registi e operatori per giorni e giorni si sono messi sotto l’albero costruendo un set non invasivo per osservare da vicino la vita sopra e dentro una quercia. Le riprese catturano ogni singolo movimento delle creature che vi abitano, animali invisibili che qui invece diventano protagonisti indiscussi.

Un documentario che diventa un’opportunità senza precedenti per immergere lo spettatore nel mondo sensoriale e nella poetica del re degli alberi, la quercia, da scoprire con la poesia e la biodiversità che genera e che ospita. Animali che sembrano all’uomo irrilevanti ma che invece sono parte essenziali della nostra biodiversità. La quercia non è soltanto un essere vivente, ma un vero e proprio habitat dove, oltre agli animali, vivono anche piante e minerali.

«Non c’è solo il desiderio estetico a guidare questo documentario — raccontano i registi Seydoux e Charbonnier — ma c'è soprattutto la volontà etica per sensibilizzare alla salvaguardia del patrimonio naturale che ci unisce. La nostra intenzione principale è di mostrare agli spettatori qualcosa che non hanno mai visto. L’immensa ricchezza dell’universo di questa grande pianta ci permette di raccontare storie che toccano lo spettatore, dal più piccolo al più grande».

Autori di questo libro

Charbonnier Laurent

Seydoux Michel